nav-left cat-right
cat-right

25 APRILE FESTA DELLA LIBERAZIONE di Sara K.

Il 25 aprile si festeggia in Italia la festa della liberazione.

La festa è conosciuta anche come ANNIVERSARIO DELLA RESISTENZA: giornata nella quale si rende omaggio a tutti i partigiani che a partire dal 1943 contribuirono alla liberazione.

L’ azione della resistenza fu coordinata dai COMITATI DI LIBERAZIONE NAZIONALI (il primo sorse a Roma il 9 settembre del 1943.

E’ un giorno fondamentale per la storia italiana e assume un particolare significato politico e militare, in quanto simbolo della vittoriosa lotta di resistenza militare e politica attuata dalle forze armate alleate, dall’ ESERCITO COBELLIGERANTE ITALIANO ED ANCHE DALLE FORZE PARTIGIANE DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE A PARTIRE DALL’ 8 SETTEMBRE 1943  CONTRO IL GOVERNO FASCISTA DELLA REPUBLICA SOCIALE ITALIANA E L’ OCCUPAZIONE NAZISTA.

Il 25 aprile 1945 è il giorno in cui il comitato di liberazione nazionale alta Italia, il cui il comando aveva sede a Milano ed era  presieduto da Alfredo Pizzoni, Luigi Longo, Emilio Sereni , Sandro pertieni e Leo Valiani proclamarono l’ insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati da nazifascisti, in dicando a tutte le forze partigiane attive nel NORD ITALIA facenti parte del CORPO VOLONTARI DELLA LIBERTA’ di attaccare i presidi fascisti e tedeschi  imponendo la resa, i giorni prima dell’ arrivo delle truppe alleate; parallelamente il CLNAI emanò  in prima persona dei decreti  legislativi, assumendo il potere << In nome del popolo italiano e quale delegato del governo Italiano>>, stabilendo tra le altre  cose  la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti, incluso Benito Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato dopo  3 giorni.

Il 25 aprile del 1945 Milano insorge e costringe Mussolini a fuggire. E’ il culmine dell’ insurrezione partigiana proclamata dal CLAI che mette fine all’occupazione nazifascista  nelle grandi città del nord.

Dopo un Ventennio di dittatura, è l’inizio della primavera democratica  del nostro Paese. Settantacinque anni dopo la parola “RESISTENZA” acquista nuovi significati.  E la festa della LIBERAZIONE in un periodo in cui la quotidianità è confinata dall’ epidemia rappresenta un’occasione in più per riflettere sull’ importanza di quella LIBERTA’ che fino ad ora avevamo dato per scontato.